Crea sito

Post COVID-19: le aziende devono alzarsi in piedi e assumersi la responsabilità

retailtrendmagazine (23 aprile 2021)Ingka Group ha preso parte, recentemente, al summit Future Work Scenarios (FWS), che ha riunito i leader delle risorse umane e della trasformazione dei principali datori di lavoro del pianeta – per esplorare e analizzare come il mondo stia ridefinendo il post-Covid – e riflettere sugli insegnamenti tratti dall’ultimo anno e su come ci siamo orientati ora in un diverso scenario di lavoro. Per il gruppo svedese, ha partecipato come relatrice, Ulrika Biesèrt, Global People & Culture Manager, che nel suo ampio intervento ha illustrato i dettagli di come Ingka Group si è rapidamente adattato nella primavera 2020, all’emergenza sanitaria, man mano che la pandemia da Covid-19 si diffondeva.

“Guardando indietro al nostro ultimo anno, penso che sia giusto dire che è stato quello più impegnativo, ma di successo – ha detto la Biesèrt – e penso davvero che siamo stati in grado di raggiungere questo tipo di prestazioni perchè basiamo il nostro lavoro sulla nostra visione e sui nostri valori, sforzandoci di assumerci la responsabilità e prenderci cura delle persone”

Ha sottolineato l’impegno dell’azienda all’inizio della pandemia a garantire la stabilità del reddito dei colleghi e a salvaguardare le basi come l’assicurazione medica e le pensioni.

“Tutto ciò ha creato spazio per le imprese e le persone – ha sottolineato – per adottare la nuova situazione e creare un miglior senso di sicurezza tra i colleghi”.

Nella primavera del 2020, Ingka Group, tra le diverse iniziative, ha portato avanti:

  • Investimenti nell’apprendimento a casa, dove più di 75.000 colleghi hanno partecipato a corsi di formazione, registrando circa 2,2 milioni di ore di apprendimento nel corso del 2020.
  • Aiutato le comunità più bisognose con 26 milioni di euro in aiuti di emergenza, consentendo a 30 organizzazioni nazionali di agire nei loro territori.
  • Ha supportato 600.000 persone in collaborazione con le ONG, dando priorità alle esigenze dei gruppi ad alto rischio e delle persone che guidano gli sforzi di soccorso.
  • Ha lanciato due iniziative globali su larga scala per i colleghi che si sono concentrate sulla resilienza a lungo termine e hanno incluso la formazione alla consapevolezza, alla salute e al benessere, oltre a rafforzare la leadership.

Biesèrt ha sottolineato come Ingka Group si prenda cura delle persone, da molto prima della pandemia, coltivando il business in modo inclusivo con l’uguaglianza in primo piano.

Con questo scopo in mente, il gruppo ha un piano per l’uguaglianza che è l’impegno a prendere sempre una posizione coraggiosa in tale direzione, all’interno di IKEA e nel mondo.

“Sono felice di dire – ha affermato – che metà dei nostri manager sono donne e che ci siamo impegnati ad aumentare la diversità etnica, razziale e nazionale a tutti i livello di leadership, in 30 paesi entro il 2024”

Inoltre Ingka Group ha l’ambizione di avere un equilibrio di genere 50/50 a tutti i livelli e posizioni, compresi i consigli e comitati, entro il 2022. C’è anche una lunga tradizione di sostenere i diritti LGBT e promuovere una cultura in cui tutti si sentano sicuri di essere se stessi.

Oggi l’80,3% dei collaboratori si sente incluso nel gruppo Inkga, rispetto al 74,6% di altre aziende, e l’82,7% sente di poter essere se stesso al lavoro, rispetto al 72,7% di altre aziende.

Un luogo di lavoro sicuro

Biesèrt ha sottolineato che il gruppo Inkga prende la prospettiva a lungo termine, pensando alle generazioni a venire, in tutto quello che sta facendo.

“Quando facciamo un passo indietro e guardiamo al quadro generale – ha detto – con l’enorme impatto del COVID, oltre ai cambiamenti demografici, alla cresente disuaguaglianza, all’instabilità politica e al cambiamento climatico, sottolinea più che mai che le aziende devono alzarsi in piedi e prendersi una responsabilità”

Allo stesso modo, come tutte le aziende, Ingka Group sta trasformando, di fronte alla digitalizzazione, all’automazione e a un’economia di piattaforma, attraverso la diversificazione dei modelli di forza lavoro e i cambiamenti nel retail tradizionale.

“Questi cambiamenti significano – afferma – che l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita e l’innovazione sono prerequisiti e le nostre esigenze future sono lo sblocco delle competenze e la crescita”.

In effetti, Ingka Group si è impegnata a migliorare le competenze e a riqualificare i collaboratori con l’obiettivo di garantire il maggior numero possibile di posti di lavoro e a lungo termine. Inoltre, questo impegno rafforzerà l’occupabilità il più a lungo possibile dei colleghi e accelerà la creazione di nuovi posti di lavoro.

Un altro punto chiave è che l’azienda è in viaggio per trasformare il suo concetto di apprendimento totale per essere adatto al futuro e soddisfare le esigenze critiche delle imprese e delle persone.

Nelle sue osservazioni conclusive, la Biesèrt ha affermato che i vincitori del futuro, saranno quelli che dimostreranno di essere umanistici, guidati da uno scopo e dalla prestazioni.

 

©Riproduzione riservata/Giuliano Bicchierai